I racconti del Parco Sempione

Nel 2016 ero una pigra studentessa universitaria che perdeva molto tempo ad osservare oggetti comuni, costruendoci sopra castelli di parole, di storie. Nei miei lunghi viaggi in pullman, mi ritrovai a scrivere così un racconto per ogni oggetto: una foglia, un cubo di Rubik, un annaffiatoio azzurro. Racconti indipendenti ma collegati fra loro, estranei che si chiamano l’un l’altro, come due sconosciuti che si incrociano ogni giorno al Parco Sempione.


Immediatamente pubblicai solo i primi due testi: l’ultimo rimase per anni nascosto nella cartella “bozze” del mio computer. E forse vi sarebbe rimasto ancora a lungo – comunque, in buona compagnia – se ieri non lo avessi ritrovato per caso, riletto e ritoccato, e infine pubblicato un po’ di getto, stamattina.
Fa tenerezza rileggere parole “antiche”, che si tratti di un vecchio diario o di uno sfogo di fantasia. Fa tenerezza, e un po’ spavento, sentirsi cambiati e salutare chi eravamo ieri. Ma da questi ritrovamenti si può fare anche un bel lavoro di discernimento: qualcosa di buono da salvare si trova sempre.


Così, ho concluso che l’idea di un racconto per ogni oggetto non deve restare solo il passatempo di una pendolare, e quindi questa serie di racconti la voglio continuare. Frammentati, improvvisati, forse comuni come gli oggetti da cui sono ispirati: anche loro, come ogni creatura, meritano un futuro. E dunque, eccoli qui riuniti: una foglia, un cubo e un annaffiatoio. Presto avranno compagnia.

Per non perderli più, ho creato una categoria dedicata, la trovate cliccando qui sotto. Buona lettura.

4 pensieri riguardo “I racconti del Parco Sempione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...